Pagine

sabato 6 febbraio 2021

3 bei libri sull'omosessualità

Sempre più numerosi sono i libri dedicati all'omosessualità, talvolta ancora un tabù, ma che, grazie anche al potere dei libri, viene gradualmente dissacrato. La narrativa rispecchia le trasformazioni sociali e i titoli che vi suggerisco ne sono un esempio. Avendo già dedicato delle recensioni più accurate a questi testi, userò il prezioso e complicato dono della sintesi per presentarveli con una descrizione minimalista.


"Febbre" di Jonathan Bazzi
Finalista del Premio Strega 2020
Una confessione senza filtri


"Chiamami col tuo nome" di André Aciman
Con trasposizione cinematografica
Una storia d'amore di passaggio


"Ballo di famiglia" di David Leavitt
Una firma, una garanzia
Racconti sulla società

mercoledì 3 febbraio 2021

Grandi libri piccoli per chi non ha tempo

Chi l'ha detto che i grandi libri devono essere necessariamente lunghi centinaia e centinaia di pagine? La grandezza  dei libri si misura diversamente e i titoli che sto per consigliarvi sono un esempio. 

Esistono capolavori "piccini": classici, o comunque piacevolissime letture, che non richiedono troppo impegno in termini di tempo, perché si aggirano intorno alle cento pagine.

L'ideale per chi pensa di non riuscire a trovare il momento per leggere, ma anche per inebriarsi di significativa leggerezza!

📙 LA FAVOLA DI AMORE E PSICHE di Apuleio

📙 IL PROFETA di K. Gibran

📙 LE NOTTI BIANCHE di F. Dostoevskij

📙 TRE VOLTE ALL'ALBA di A. Baricco

📙 ASPETTANDO GODOT di S. Beckett

📙 UNA STORIA SEMPLICE di L. Sciascia


Buona e veloce lettura!


martedì 2 febbraio 2021

In vetrina: "Gli ansiosi si addormentano contando le apocalissi zombie", un libro che si prende gioco di noi

Irriverente, blasfemo, ironico: "Gli ansiosi si addormentano contando le apocalissi zombie" è un romanzo breve che spiazza, che fa ridere, a volte addirittura ribrezzo per quanto spudorato, ma assolutamente originale, dalla prefazione (da parte della pagina Facebook "Persone che pubblicano canzoni impegnate e non ne capiscono il significato") fino alla conlcusione con rimando a un amato - ebbene sì amato - Covid.

Il narratore si prende gioco di se stesso e della nostra comunità, sopraffatta dall'ansia, e con uno stile del tutto ironico passa in rassegna i dogmi della società contemporanea. L'ansia di cui soffre il protagonista è strettamente collegata al tema della sessualità, dal momento che sembra influire sulla sua impotenza.

lunedì 1 febbraio 2021

Un abruzzese impiantato in America: John Fante e il suo terreno artistico in "Fantiana"

"Questo libro nasce dal desiderio di celebrare John Fante, che ci ha raccontato che non importa se sei italiano, filippino, americano, un vecchio o un quindicenne, uno squattrinato o un ricco signore con la villa a Malibù. Ciò che importa è rimanere vivi, è avere una California da sognare e una Torricella Peligna da portarsi dentro. Sempre."

Nell'introduzione di Gabriele Nero, l'intento della raccolta di testi dedicati all'autore italoamericano emerge chiaramente. "Fantiana" è l'incontro degli appassionati di John Fante che si riuniscono  sempre meno casualmente per condividere l'interesse per le sue opere e il suo verbo: incontro che si è fatto tangibile divenendo un libro in cui esponenti culturali di ogni tipo e di ogni dove trovano il loro minimo comune multiplo.

16 contributi, selezionati da Eduardo Margaretto, divisi in 3 parti (dedicate rispettivamente alla famiglia, alle origini italiane e alla metaletteratura), le quali scavano nell'identità artistica dello scrittore e dei suoi personaggi portando in superficie, come minatori in una miniera d'oro, le tematiche fantiane. Dalle caratteristiche differenti ma ognuno prezioso a suo modo, gli interventi scandagliano il territorio letterario e personale dell'artista per oltrepassare la superficie.