Pagine

giovedì 8 agosto 2013

La mia esperienza di auto-pubblicazione: qualche consiglio

   Ti piace scrivere e il tuo sogno è quello di pubblicare un libro? Fino a pochi anni fa, questo sogno era un progetto catapultato in un futuro ancora lontano, in attesa di scrivere il capolavoro del secolo - o perlomeno dell'anno, dai, non esageriamo -, in grado di destare l'interesse di un editore che avrebbe riposto fiducia e ammirazione nella tua creatività. Oggi qualcosa è cambiato. 
   Con il proliferare di siti internet e case editrici che offrono la possibilità di pubblicare un libro in cambio di denaro, puoi realizzare tranquillamente il tuo progetto. Qualcosa si perde?

mercoledì 7 agosto 2013

Jonathan Franzen, Le correzioni

   
   C'è sempre una strana bellezza quando si finisce di leggere un libro. L'immediata e fresca sensazione che ti trasmette, la lucida e completa visione del significato dell'opera nel suo insieme, il piacere e la soddisfazione di essere giunta al termine e di aver conosciuto un nuovo libro (e magari un nuovo tema, un nuovo stile, una nuova struttura), che si fonde al desiderio e all'energia di iniziarne un altro. 
   Com'è stato testimoniato anche da altri lettori, confermo che "Le correzioni" è stato uno di quei libri che rimangono incastrati nello scaffale, nella pila etichettata mentalmente sotto la dicitura "da leggere", per qualche mese, prima di sentirmi pronta ad aprirlo. Si tratta indubbiamente di un'opera che richiede tempo, attenzione, passione, ma quanto più tempo, attenzione, passione vi si presta, maggiore sarà la soddisfazione.