Pagine

venerdì 30 agosto 2019

IO ME LO LEGGO: novità di settembre

Se amate i romanzi storici, la collana IO ME LO LEGGO è ciò che fa per voi. All'ambientazione, rigorosamente storica, vengono ricamate trame avvincenti, che abbracciano numerosi sottogeneri letterari.
Per la rubrica "In vetrina", questo mese vi segnalo due nuove uscite: "Assedio" e "Errori e malintesi". I due romanzi,  disponibili dal 16 settembre, sono entrambi ambientati nell'Ottocento inglese: nella Londra di Sherlock Holmes assediata dai morti viventi, il primo; nella romantica Bath, il secondo. Date un'occhiata alla sinossi e all'incipit dei libri per maggiori dettagli!







Titolo:"Assedio" 
Autori: Daniela Barisone - Alex Montagono
Genere: avventura - horror
Pagine: 184 

Prezzo€ 14,00 - 1,99 




Londra, 1897. I morti si risvegliano dalle loro tombe, assalendo chiunque capiti loro a tiro e cibandosi di carne umana. In questo quadro di terrore, Sherlock Holmes e il dottor John Watson si ritrovano asserragliati nella Torre di Londra insieme alle loro nemesi: James Moriarty e Sebastian Moran. A far loro compagnia il fratello del celebre investigatore, Mycroft Holmes e William Bell, il biologo che sta cercando di scoprire di più su quanto accaduto.
Uniti nel comune intento di portare a casa la pelle sana e salva, i quattro difendono la Torre con ogni mezzo, ma i morti viventi non sono ciondolanti esseri senza cervello e riescono a sfondare le loro difese. 


- INCIPIT -
«Oh dannazione!» sbottò Watson, abbandonando il diario.  Accartocciò la  pagina e la gettò oltre le mura, diretta  verso una calca di creature rantolanti e putrefatte. «Già è complicato mantenere un barlume di sanità mentale in queste condizioni, figuriamoci con lei che spara ogni minuto!»  Sebastian Moran voltò appena la testa, scaricando un bossolo vuoto dal Lee-Enfield modificato e incamerando un altro colpo. 
«Watson mi chiedo seriamente come lei abbia potuto affrontare la guerra  se detesta così tanto i proiettili. Siamo qui per pattugliare le mura, non per scrivere il suo dannato diario».

💢💢💢💢

Titolo:"Errori e malintesi" 
Autori: Victoria Van Oosten 
Genere: romantico

Pagine: 157

Prezzo€ 14,00 - 1,99 


Nella elegante Bath d’inizio Ottocento (sono da poco finite le guerre napoleoniche) tre giovani di ottima famiglia e altrettanto interessante dote sono alle prese con i rispettivi pretendenti o presunti tali: la protagonista Isabel Ramsey,  innamorata di Mr Tresham, studente di Oxford che tarda a dichiararsi; sua cugina Claire Dyce, fidanzata con il capitano Simmons, e Harriet Morris che non vuole saperne del capitano Reginald. Ad animare le loro giornate e complicare i loro sentimenti concorrono molti amici e parenti, tra i quali spiccano l’ironico Mr Drummond e la pasticciona Miss Skene, sempre pronti ad organizzare gite e divertimenti. Tra malintesi ed errori di valutazione, le tre ragazze dovranno fare i conti con la realtà e con i sentimenti altrui. 

- INCIPIT -
La grave colpa di cui si era macchiata Miss Elinor Graham, secondogenita di sir William Graham di Malvern, consisteva nell'aver accettato di unirsi in matrimonio con il giovane capitano di marina William Ramsey, figlio cadetto del vice ammiraglio Thomas Ramsey di Glouchester, senza attendere un partito simile a quello capitato alla sorella maggiore Margareth, che aveva sposato Mr Dyce,  formalmente l'erede del baronetto Robert Skene.
Presto però la considerazione di sir William nei confronti di Mrs Ramsey e del suo capitano fu accresciuta dall'inaspettata eredità del genero che giunse da parte del fratello del vice ammiraglio Ramsey.
Purtroppo la battaglia di Abukir rese vedova la giovane Mrs Ramsey, la quale con la sua cospicua  rendita  e la sua unica figlia  Isabel di tre anni, si trasferì  a Bath  nella dimora del fu  zio Ramsey. Il triste evento costituì motivo di grande apprensione per sir William Graham, il quale, pur costantemente seccato dai creditori, ritenne che alla diletta figlia occorresse una guida sapiente sia nella gestione delle sue rendite sia nel “allevamento” della sua bambina e trasferì la famiglia ugualmente a Bath.


Nessun commento:

Posta un commento