Pagine

domenica 4 marzo 2018

Daria Bignardi, L'amore che ti meriti

"L'amore che ti meriti"
Daria Bignardi
247 pagine
2014
Mondadori


   "Cosa tiene unita una famiglia quando succede una tragedia?". Il romanzo di Daria Bignardi si regge sul terreno di per sé instabile di questa domanda. 
   Una storia, due tempi, due donne a tenere insieme i frammenti di un dramma esploso anni prima.
    Ferrara. Era estate, erano felici, erano giovani. Alma e il fratello Marco, detto Maio, sono inseparabili. Tutto va per il meglio, ma solo quando la si perde, ci si rende conto di essere stati felici.
    Il veleno che intossica l'atmosfera è sprigionato dalla voglia di spingersi più in là, solo un passo oltre il confine. Confine che conduce alla scomparsa di Maio: una tragedia che scuote la famiglia che, come un albero ormai secco, fa cadere al suolo ogni foglia debole e stanca.
     Passano gli anni, Maio è ormai solo un'ombra sul presente.
    Il racconto si snoda alternando ricordi e pensieri di Alma, alle azioni della figlia Antonia, la quale viene messa a conoscenza dalla madre di un tassello scomodo del puzzle del loro passato. Antonia è incinta, e quindi invulnerabile, pronta a conoscere la verità: anni prima, Alma propose al fratello di provare dell'eroina. Solo una volta. Ma mentre per Alma è stato davvero così, il fratello proverà ancora. E ancora. 
"Non eravamo contenti né dispiaciuti, solo svuotati e stanchi, come se avessimo sbadatamente perso qualcosa di prezioso ma ce ne vergognassimo e non avessimo voglia di ammetterlo".
     La droga li divide, li cambia, li spacca dentro. E Alma vivrà la sua vita appesantita dal senso di colpa per la scomparsa di Maio.

    "Alma è una persona strana. Sembra insicura, ma in realtà è fortissima. È imprevedibile, contraddittoria. Deve decidere sempre tutto lei. È così sensibile che non si può non volerle bene, anche se è convinta di essere insopportabile e spesso lo è davvero. Quando ero adolescente non è stato facile andarci d'accordo: sembrava lei, l'adolescente, e a volte lo sembra ancora".

    Antonia, appassionata di polizieschi, messa di fronte a questa verità, decide di alleggerire la madre dal peso che per anni si è portata dentro e ripercorrere i passi del passato per risolvere l'oscuro mistero della scomparsa di Maio. Ci riuscirà?

Nessun commento:

Posta un commento